Lezioni da Bessemer: solo un sindacalismo di classe può sconfiggere Amazon!

Il tentativo fallito di sindacalizzare i lavoratori di Amazon a Bessemer, Alabama, è una lezione sulla necessità di una strategia coraggiosa ed efficace da parte dei leader del movimento operaio negli Usa. Anche un gigante come Amazon non può competere con il potere della classe operaia quando è organizzata efficacemente. La battaglia continua!


[Source]

I riflettori internazionali puntati sulla piccola città di Bessemer, in Alabama, ricordano che la lotta di classe è viva e vegeta nella roccaforte del capitalismo mondiale. Dall’Italia al Myanmar, milioni di persone hanno guardato come la terza maggior azienda del mondo si opponeva ai suoi lavoratori del magazzino Bessemer, che impiega quasi 6.000 dipendenti. Il sindacato Retail, Wholesale and Department Store Union (RWDSU) ha sostenuto la spinta alla sindacalizzazione, concentrando gli sforzi organizzativi su uno dei 110 centri logistici di Amazon negli Stati Uniti.

La campagna per sindacalizzare questo gigante della grande industria statunitense, di proprietà dell’uomo più ricco del pianeta, è diventata un simbolo di speranza per milioni di lavoratori a basso reddito in tutto il mondo. I sondaggi hanno mostrato che uno schiacciante 77% della popolazione statunitense ha sostenuto la campagna di sindacalizzazione a Bessemer. Ciò è coerente con altri recenti sondaggi che mostrano il più alto sostegno al movimento operaio in oltre mezzo secolo, soprattutto tra i lavoratori sotto i 34 anni, il 71% dei quali è a favore dei sindacati. L’interesse a far parte di un sindacato è una domanda concreta, soprattutto nel mezzo di una grave crisi. In media, i lavoratori sindacalizzati ricevono il 18% in più di salario e il 94% in più di indennità, oltre ad avere migliori sicurezza e condizioni di lavoro.

La Tmi ha convintamente sostenuto la lotta di questi lavoratori per formare un sindacato e continueremo a sostenere la loro battaglia. Dato questo stato d’animo nella società e l’importanza della campagna su Bessemer nei mezzi di comunicazione, la sconfitta di questa lotta rappresenta inevitabilmente una delusione per milioni di persone. Tuttavia, chi lotta seriamente per i diritti dei lavoratori non ha motivo di essere abbattuto o di trarre conclusioni pessimistiche da questa battuta d’arresto. Il nostro compito è quello di studiare i fatti, esaminare le ragioni della sconfitta e riorganizzarci per il futuro. Le lezioni di questa e di altre lotte mostrano la via da seguire per la vittoria finale.

La classe lavoratrice ha un enorme forza potenziale e, una volta che si muove in modo determinato, non può essere fermata. Tuttavia, questa forza deve essere mobilitata correttamente . Affrontare un’azienda come Amazon richiederà un sostegno reale da settori più ampi del movimento operaio, non solo parole o solidarietà astratta. Questo sostegno deve poi essere guidato da una strategia vincente, accuratamente ricavata dalle lezioni positive e negative della storia del movimento operaio statunitense.

La strategia dei vertici sindacali

Il Comitato Nazionale per le Relazioni Industrial ha comunicato i risultati ufficiali delle elezioni per la rappresentanza. Il conteggio è stato di 738 per il sindacato, e 1.798 contro. Su 5.876 voti potenziali, risulta che ne siano stati espressi 3.041, con 505 voti contestati, principalmente da Amazon. Altri 76 voti sono stati “annullati”. Il fatto che circa il 45% dei lavoratori si sia astenuto dimostra che erano almeno aperti all’idea di formare un sindacato, ma erano sotto un’enorme pressione da parte dell’azienda e non avevano fiducia nella strategia della direzione della RWDSU.

Mentre Amazon mobilitava tutte le sue risorse e utilizzava ogni trucco possibile per sconfiggere i suoi lavoratori, la direzione sindacale cercava di organizzare la propria attività sul posto di lavoro rispettando leggi esplicitamente progettate per aiutare i padroni a vincere. Piuttosto che proporre un programma di lotta di rivendicazioni materiali – vale a dire, tutte quele rispetto al salario, ai bonus e condizioni di lavoro che un sindacato potrebbe portare avanti – la direzione sindacale ha presentato la propria strategia come una sorta di campagna “a tappe”. Hanno presentato il voto per il riconoscimento del sindacato semplicemente come la prima fase, e solo in un secondo momento avrebbero portato avanti rivendicazioni specifiche, invece di capire che le due cose sono correlate. Affrontare la sindacalizzazione in questo modo fa perdere l’intera logica della lotta di classe. Dopotutto, lo scopo di unire i lavoratori in un sindacato è combattere collettivamente il datore di lavoro per ottenere salari, benefici e migliori condizioni per tutti.

In un commento significativo dopo la pubblicazione dei risultati preliminari, il presidente nazionale della RWDSU, Stuart Applebaum, ha dichiarato che “il nostro sistema è guasto. Amazon ne ha approfittato appieno e chiederemo al Autorità sul lavoro di considerare Amazon responsabile per il suo comportamento illegale ed esecrabile durante la campagna “(enfasi nostra).

Questo mette a nudo il metodo sbagliato dietro la strategia della leadership sindacale. Riferendosi alle elezioni dell’NLRB (National Labor Relations Board, Consiglio nazionale per le relazioni sindacali), Applebaum parla del “nostro sistema” quando ciò di cui sta veramente parlando è il sistema di controllo del lavoro normato dal governo dei capitalisti e imposto dal loro Stato. Chiede quindi allo Stato capitalista, sotto forma del NLRB, di risolvere il problema da solo.

Inutile dire che qualsiasi strategia per ottenere il riconoscimento sindacale e un vero contratto da parte del datore di lavoro richiede la forza e l’unità più larga della classe lavoratrice, non l’aiuto dello Stato capitalista che rappresenta la classe dominante nel suo insieme.

Le elezioni per la rappresentanza nel NLRB

Negli anni ’30, Franklin Delano Roosevelt firmò il Wagner Act, che istituì il NLRB per fermare il crescente malcontento e la minaccia della crescente combattività sindacale, sostenendo che questo avrebbe salvaguardato il diritto dei lavoratori di unirsi ai sindacati. In realtà, la classe operaia ha costruito i sindacati attraverso i sacrifici, la lotta militante e un’ondata di occupazioni di fabbriche note come “sit-down strikes”. I sindacati industriali della CIO sono stati costruiti dalla lotta di classe rivoluzionaria, non semplicemente firmando le tessere sindacali e aspettando le elezioni del NLRB.

L’obiettivo del presidente Roosevelt era di incanalare il movimento operaio lontano dalla lotta di classe verso un affidamento all'”imparziale” consiglio federale del lavoro per “salvaguardare” i diritti dei lavoratori. Ma cerchiamo di essere molto chiari: c’è solo una forza nella società che può salvaguardare questi diritti: la forza organizzata della classe operaia stessa. Riporre la nostra fiducia o fomentare illusioni nel NLRB o in altre leggi e regolamenti federali o statali sul lavoro non è solo ingenuo ma un errore.

A dire il vero, molti sindacati sono stati organizzati attraverso le elezioni per la rappresentanza dell’NLRB. Tuttavia, ottenere il riconoscimento è solo l’inizio della lotta. Il modo in cui il sindacato è organizzato fin dall’inizio ha un impatto significativo sul tipo di contratto che i lavoratori possono ottenere.

Quando i lavoratori riconoscono e comprendono il loro potere collettivo di fronte alle minacce e alle ritorsioni dell’azienda, questo dà loro una vera ragione per lottare insieme per il riconoscimento del sindacato da parte dell’azienda. Soprattutto in tempi come questi, il lavoratore medio non rischierà il proprio posto di lavoro per la vaga promessa di un contratto futuro. Ma se hanno una chiara comprensione di ciò per cui stanno lottando e una strategia per vincere, i lavoratori si uniranno alla lotta.

A Bessemer, gli organizzatori della RWDSU avevano all’inizio chiesto a 2.000 dipendenti di sottoscrivere le tessere sindacali. Hanno quindi presentato istanza per un’elezione presso l’NLRB, che ha poi determinato l’ambito della “unità di contrattazione”. Amazon è quindi entrata in azione con la sua sofisticata campagna anti-sindacale.

Indubbiamente, alcuni di quei 2.000 lavoratori iniziali sono stati messie sapere sotto pressione e hanno lasciato l’azienda o si sono ritirati dalla campagna sindacale. Tra i quasi 500 voti che Amazon ha fatto escludere con successo, possiamo presumere con relativa sicurezza che una gran parte provenisse dal nucleo originario di sostenitori del sindacato e da altri che erano visti come lavoratori combattivi. Sappiamo che Amazon ha usato tutti i tipi di trucchi, compreso il fatto che il servizio postale degli Stati Uniti ha messo una cassetta della posta davanti alla sede sotto la sorveglianza dell’azienda per intimidire i lavoratori. In questo modo, la direzione poteva guardare chi votava e sapere l’identità dei dipendenti da incolpare nel caso di una vittoria del sindacato.

Qualsiasi campagna di successo per affrontare e sconfiggere una multinazionale mostruosa come Amazon deve essere basata su una chiara visione della realtà, non sul conservatorismo ristretto dei vertici sindacali, la maggior parte dei quali sono liberal-democratici nella migliore delle ipotesi. Dobbiamo avere una visione sobria dello stato e delle leggi dei capitalisti, e dobbiamo studiare e capire il nostro nemico di classe.

Un moderno Golia

Amazon è una società inclusa nella classifica Fortune 500 e controlla quasi il 40% del commercio al dettaglio online. È uno dei più grandi rivenditori negli Stati Uniti, con una valutazione di più di 1,4 migliaia di miliardi di dollari, e impiega 1,3 milioni di lavoratori in tutto il mondo. Più di un milione di questi dipendenti sono negli Stati Uniti, rispetto ai 750.000 di prima della pandemia. Per fare un confronto, Walmart impiega 2,2 milioni di persone in tutto il mondo, con 1,5 milioni negli Stati Uniti.

Jeff Bezos ha fondato Amazon nel 1994, inizialmente come una libreria su internet, prima di espandersi virtualmente in ogni prodotto domestico concepibile, dai generi alimentari agli elettrodomestici. L’azienda ha recentemente acquisito la catena di alimentari Whole Foods e ha i suoi servizi di musica e video streaming. Naturalmente, una persona da sola non può realizzare così tanto, quindi, come tutti i capitalisti, la grande ricchezza di Bezos deriva dal duro lavoro dei suoi dipendenti. Assume persone in modo da poter trarre profitti dalla loro forza lavoro. Più li fa lavorare duramente e meno li paga, più alti sono i profitti!

Bezos attualmente guadagna 2.537 dollari al secondo, più di quanto il lavoratore medio di Amazon guadagna in un mese intero. Con la pandemia che imperversa e la gente che non può o non vuole fare acquisti nei negozi come faceva prima del COVID, i profitti di Bezos sono aumentati. Forbes ha riferito che le entrate di Amazon per l’anno 2020 sono state di 386 miliardi di dollari, in aumento del 38% rispetto al 2019, mentre i profitti netti sono aumentati dell’84%.

Amazon e il salario di 15 dollari l’ora

Sotto la pressione di varie iniziative sindacali e di una campagna pubblica di Bernie Sanders, Amazon ha aumentato il suo salario minimo a 15 dollari l’ora nel 2018. Da allora la società ha sempre ricordato questa cosa come l’esempio di quanto siano dei grandi filantropi. Il New York Times ha citato il vicepresidente di Amazon Drew Hardner che diceva: “Se c’è un’azienda progressista in questo paese, è Amazon. Trovatemi un’altra grande azienda che paghi il doppio del salario minimo, che assicuri un ampio piano di welfare sanitario aziendale sin dal primo giorno di lavoro, il rimborso del 95% delle spese per l’istruzione, un ambiente di lavoro sicuro e così via.”

Ma quanto è “generosa” Amazon? I lavoratori a tempo pieno che guadagnano 15 dollari l’ora portano a casa un reddito annuo di 31.000 dollari, meno della metà del reddito medio di una famiglia statunitense. E come abbiamo sottolineato altrove, se il salario minimo avesse tenuto il passo con la crescita della produttività, come ha fatto dal 1938 al 1968, ora sarebbe a 24 dollari.

Il reddito medio annuo in Alabama è di 53.786 dollari e il salario orario medio della contea di Birmingham è di quasi 18,50 dollari all’ora. Il New York Times ha riferito che la RWDSU ha sindacalizzato i magazzinieri in Alabama, vicino alla struttura di Amazon, che guadagnano dai 18 ai 21 dollari l’ora. Un altro confronto sarebbe con United Parcel Service (UPS). I tipi di lavoro svolti in queste due società sono simili, ma UPS è organizzato dai Teamsters negli Stati Uniti e in Canada. I benefit e le condizioni di lavoro sono migliori in UPS e i salari sono più alti del 30%, grazie al sindacato.

Va anche notato che dell’aumento dello sfruttamento dei suoi lavoratori e della spremitura da loro ogni possibile goccia di plusvalore Amazon ne ha fatto una vera e propria scienza. Molti lavoratori a tempo pieno lavorano su turni di dieci ore più gli straordinari obbligatori. In queste dieci ore, i lavoratori hanno solo due pause di 30 minuti per l’intero turno e svolgono quello che spesso è un lavoro fisico estenuante. Quando si fa una pausa in alcune dei loro enormi magazzini, si deve camminare così tanto per arrivare alla mensa per mangiare qualcosa che, quando ci si arriva, è già ora di tornare al lavoro.

Amazon combatte i lavoratori negli Usa e all’estero

Amazon ha combattuto con le unghie e con i denti contro l’organizzazione del sindacato a Bessemer, ma questa non è una novità. Amazon ha sconfitto un precedente tentativo del CWA di organizzare i suoi rappresentanti del servizio clienti, i cui manager avrebbero “motivato” i lavoratori attraverso gli straordinari obbligatori con e-mail “stimolanti” come “PUOI DORMIRE QUANDO SEI MORTO”. Quando la spinta ad organizzarsi ha preso slancio, Amazon ha semplicemente chiuso il call center, dando la colpa alla recessione economica.

Amazon ha anche fatto ricorso a ogni sorta di inganno per sconfiggere l’International Association of Machinists (IAM) quando hanno cercato di organizzare i tecnici del suo stabilimento in Virginia. E quando l’ex lavoratore di Amazon Chris Smalls ha cercato di attirare l’attenzione sulla mancanza di sicurezza sul posto di lavoro quando è iniziata la pandemia, la società ha risposto ponendo fine al suo contratto. Oltre a sottoporre la sua forza lavoro a una raffica costante di propaganda anti-sindacale, i vertici di Amazon si affrettano a impiegare la fonte di pressione più convincente a loro disposizione: il potere di privare un lavoratore dal proprio sostentamento .

Data la portata internazionale di aziende come Amazon, la lotta contro di essa deve anche trascendere i confini. I lavoratori in Europa si sono organizzati e hanno persino intrapreso azioni di sciopero, come nel caso dei lavoratori italiani che lunedì 22 marzo hanno lanciato uno sciopero nazionale di un giorno contro Amazon, a cui hanno aderito i dipendenti italiani di UPS. Sebbene la partecipazione allo sciopero non sia stata al 100%, l’azione è stata efficace nel fermare alcune consegne di Amazon quel giorno, il che ha mostrato il potere dei lavoratori di interferire con le operazioni dell’azienda. I marxisti italiani della Tmi erano tra coloro che hanno partecipato a questa azione. I compagni della Tmi hanno anche contribuito a organizzare la solidarietà tra i lavoratori UPS. I lavoratori hanno chiarito ai capi UPS che avrebbero rifiutato qualsiasi aumento del volume dei pacchi trasportati il ​​22 marzo -I lavoratori UPS non sarebbero stati usati per sabotare lo sciopero di Amazon!

In uno dei depositi in Italia, i lavoratori in sciopero di Amazon hanno inviato un messaggio di solidarietà ai loro fratelli e sorelle in Alabama, augurando loro il successo nella loro campagna organizzativa. I lavoratori in Myanmar, nell’ambito uno sciopero generale rivoluzionario contro il colpo di stato militare in corso, hanno anche inviato saluti ai lavoratori dell’Alabama in lotta.

Una strategia per sconfiggere Amazon

Amazon è una società enorme e potente, ma non sono da soli. Altri giganti capitalisti come Walmart competono con Amazon sul mercato, ma si schierano uniti contro la classe operaia. Vogliono una forza lavoro che non sia organizzata e unita, da sfruttare a piacimento. Tuttavia, di fronte a questo fronte reazionario dei padroni, la classe operaia rappresenta una forza molto più potente. Una volta armate di una strategia di azione basata su una prospettiva di lotta di classe, le risorse collettive a disposizione del movimento operaio sono più che capaci di sconfiggere Amazon. Una strategia vincente deve includere i seguenti elementi.

La vera essenza di un sindacato sono i lavoratori uniti, non un ‘”entità esterna” come rappresentato nella propaganda aziendale. Troppo spesso, i leader sindacali e gli organizzatori hanno buon gioco ad utilizzare questa interpretazione presentando il sindacato come un agente esterno che può entrare e difendere i lavoratori piuttosto che un’organizzazione di lotta composta dai lavoratori stessi. Quando un gruppo di lavoratori forma un comitato organizzatore per lanciare una campagna sindacale sul posto di lavoro, dovrebbe sempre partire dall’idea che si sta cercando di unire i loro compagni di lavoro per lottare contro il padrone. Il fatto di iscriversi alla RWDSU, Teamsters o qualsiasi altro sindacato indica che i lavoratori desiderano essere collegati con altri lavoratori del settore, dello stato, del paese o anche oltre confine, oltre a ottenere il riconoscimento sindacale formale sul posto di lavoro. Ma “il sindacato” non dovrebbe essere concepito come una rappresentanza esterna, come se i lavoratori stessero assumendo degli avvocati. Formare un sindacato significa costruire la propria organizzazione.

La lotta per il riconoscimento sindacale deve essere direttamente collegata alla lotta per rivendicazioni reali, che non dovrebbero essere trattate come un’astrazione. Decidere quali rivendicazioni dovrebbero essere portate avanti o quali azioni sul posto di lavoro dovrebbero essere intraprese dovrebbe essere deciso democraticamente dai lavoratori sindacalizzati. Tutti i dirigenti dovrebbero essere eletti e le loro decisioni e proposte soggette all’approvazione dei lavoratori che rappresentano.

Quando i lavoratori passano attraverso l’esperienza della lotta per formare un sindacato, questo ha un effetto acceleratore sullo sviluppo della coscienza di classe. Queste lotte possono essere esperienze che cambiano la vita e dimostrano nella pratica che per migliorare i nostri salari, i bonus e le condizioni di lavoro, abbiamo bisogno di azione collettiva e organizzazione. Non siamo semplicemente un gruppo di individui. Facciamo parte di una classe che ha i propri interessi. I profitti dell’azienda derivano dallo sfruttamento del nostro lavoro e questa lotta per il plusvalore che produciamo è il conflitto centrale tra il padrone e la forza lavoro.

Nel caso di Amazon, questo può essere visto concretamente se confrontato con società simili che sono sindacalizzate. Come accennato in precedenza, i lavoratori UPS svolgono compiti sostanzialmente simili a quelli di molti lavoratori di Amazon, con un salario del 30% più alto e una pensione. Anche i lavoratori di Amazon possono vincere, ma serve la lotta per farlo.

Inoltre, la lotta per organizzare i lavoratori in Amazon non può essere condotta in modo frammentario. Se anche la RWDSU avesse vinto queste elezioni per la rappresentanza, oltre un milione di altri lavoratori di Amazon sarebbero rimasti senza un sindacato. Tutte le lotte devono iniziare da qualche parte, ovviamente, e Amazon sapeva che qualsiasi concessione fatta a questi lavoratori avrebbe fornito un impulso alle campagne di sindacalizzazione in altre località del paese. Se il voto per il sindacato a Bessemer avesse avuto successo, i lavoratori dell’Alabama avrebbero potuto continuare a lottare concessioni contrattuali attraverso azioni sul posto di lavoro e scioperi, ma essere una porzione così piccola della forza lavoro nazionale di Amazon avrebbe seriamente limitato il loro potere contrattuale.

Una strategia vincente richiede che i lavoratori del sindacato aumentino la loro capacità di pressione, che può arrivare solo attraverso i numeri. Concentrandosi su una sede, Amazon è stata in grado di far gravare la pressione di tutte le sue risorse su una piccola parte della sua forza lavoro. Per parafrasare Che Guevara, ciò che serve sono due, tre, molte Bessemer! L’azienda avrebbe avuto molti più problemi a soffocare più spinte per la sindacalizzazione simultanee di quanti ne abbia avuti a soffocarne una isolata. Ancora una volta, ciò richiederebbe risorse, non solo dalla relativamente piccola RWDSU, ma dall’intero movimento operaio. Un massiccio sostegno deve essere mobilitato attraverso una campagna nazionale e internazionale, non solo tra i dipendenti di Amazon, ma anche raggiungendo e collegandosi con tutti gli ambienti del movimento operaio, oltre a ottenere il sostegno dei lavoratori non sindacalizzati nelle industrie collegate e della classe operaia nel complesso.

La costruzione di un vero sindacato richiede l’organizzazione di una parte significativa della forza lavoro, ma non è necessario iniziare con la maggioranza: questa può essere costruita nel tempo. Una iniziativa sindacale dovrebbe cominciare con un nucleo di lavoratori che sviluppa una campagna di organizzazione. I membri di questo comitato potrebbero spiegare ai loro colleghi che chiunque si iscriva al sindacato avrà il diritto di essere riconosciuto come membro del sindacato, anche se è una minoranza della forza lavoro complessiva o anche un singolo dipendente in un determinato luogo di lavoro .

Certamente, un tale sindacato non vedrebbe riconosciuti suoi i diritti di contrattazione e le sue richieste a meno che e fino a quando non si guadagnasse una quantità significativa di sostegno. Ma man mano che cresce lo slancio, specialmente se iniziano a ottenere vittorie, più lavoratori di Amazon in tutto il paese si iscriverebbero perché vedono il vantaggio di aderire a un tale sindacato, conquistando alla fine la maggioranza.

Per un’offensiva totale per organizzare il sindacato in Amazon e nelle altre aziende non sindacalizzate!

Anche se la battaglia di Bessemer è stata sconfitta, la guerra di classe è tutt’altro che finita! La lotta per organizzare aziende come Amazon e Walmart rimarrà un punto focale fino a quando queste vittorie non saranno ottenute. Tali vittorie giocherebbero una parte importante nella svolta del corso del movimento operaio. Dobbiamo quindi affrontare questa sfida non solo dal punto di vista dei lavoratori dello stabilimento di Bessemer o anche della forza lavoro di Amazon nel suo insieme. Invece, dobbiamo affrontarlo dal punto di vista dell’intera classe operaia.

Data l’enorme quota di mercato al dettaglio di Amazon, i lavoratori dell’UPS e dell’USPS (il servizio postale federale NdT) devono svolgere un ruolo essenziale in questa lotta insieme ai suoi addetti alle consegne e ai magazzini. I lavoratori del settore più ampio della logistica, del magazzino e della distribuzione sono responsabili della consegna di un’ampia quota dei pacchi di Amazon e molti di loro sono già sindacalizzati. Il collegamento in solidarietà con i lavoratori di Amazon aumenterà anche la loro forza contro i dirigenti di aziende come UPS e USPS, che puntano costantemente alla “concorrenza” come scusa per tagliare i costi e aumentare gli attacchi alla propria forza lavoro sindacalizzata. Possiamo sentirlo ora dalla bocca dei padroni: “Come può UPS pagare questi salari più alti quando gli addetti alle consegne di Amazon ricevono solo $ 15 l’ora?” Lo stesso vale per tutti i lavoratori in tutti i settori. Quando i maggiori datori di lavoro privati ​​del paese pagano molto meno di un salario dignitoso, tutti gli altri datori di lavoro possono esercitare pressioni al ribasso sui loro lavoratori.

La chiave per la vittoria include anche la solidarietà nell’azione, indipendentemente da ciò che è “permesso” dallo Stato capitalista. Una sconfitta per uno è una sconfitta per tutti, ma lo stesso vale per le vittorie. La lotta per organizzare 1,3 milioni di dipendenti Amazon deve far parte di un’offensiva coordinata dalle forze collettive dell’AFL-CIO. È francamente vergognoso che la leadership della federazione abbia offerto poco al di là delle parole e dei tweet di solidarietà, e non abbia fatto seguire le parole ai fatti mettendo a disposizione la sua vasta base di iscritti e il suo denaro.

In These Times ha riferito che il sindacato Teamsters ha in programma di organizzare i lavoratori di Amazon. RWDSU e i Teamsters non dovrebbero impegnarsi in una ridicola “guerra per il territorio”. Devono mettere in comune le proprie risorse e lavorare insieme: la posta in gioco è troppo alta! La Tendenza Marxista Internazionale chiede all’AFL-CIO di istituire un comitato organizzatore speciale per i lavoratori di Amazon. La RWDSU, i Teamsters, il Nalc (Associazione Nazionale dei Porta Lettere), l’Apwu (Sindacato dei Lavoratori Postali Americani) e tutti i sindacati collegati dovrebbero avere rappresentanti in questo comitato. Se l’AFL-CIO si rifiuta di agire, chiediamo ai leader di tutti questi sindacati di formare da soli un tale comitato.

I leader sindacali devono passare subito all’offensiva. I sindacati deve impegnarsi a lavorare insieme e investire risorse reali: organizzatori sindacali a tempo pieno e part-time, un’importante campagna pubblicitaria per spiegare i vantaggi dell’organizzazione di un sindacato da parte dei lavoratori, l’organizzazione di proteste di massa e dimostrazioni per mostrare alle grandi aziende il potenziale della classe lavoratrice Sì, questo costerà milioni di dollari. Ma a cosa servono le nostre quote sindacali, se non per difendere ciò che abbiamo vinto finora ed espandere le nostre forze? Il modo migliore per aumentare il potere di coloro che sono attualmente sindacalizzati è sindacalizzare milioni di lavoratori in più!

Dagli Stati Uniti, dal Canada e dal Messico, alla Gran Bretagna, all’Italia, al Pakistan e oltre, i militanti della Tmi nei sindacato stanno lavorando pazientemente per spingere l’attuale direzione sindacale verso una prospettiva di lotta di classe o per costruire una leadership alternativa che possa prendere il suo posto. Colleghiamo questo con la necessità di una rivoluzione socialista, un governo operaio e la nazionalizzazione di aziende come Amazon sotto il controllo democratico dei lavoratori. Il movimento operaio può essere e sarà cambiato e rinvigorito con le idee socialiste che lo hanno portato a grandi vittorie in passato!

Join Us

Join the International Marxist Tendency and help build a revolutionary organisation to participate in the struggle for socialism worldwide!

In order to join fill in this form and we will get back to you as soon as possible.